Una serata con Harry Potter al Binario 9 e 3/4 di Mapello

Macchina di Harry Potter

A Mapello, in via Sarpi, si trova il Binario 9 ¾, un bar birreria che gli amanti del maghetto più famoso del mondo, Harry Potter, non possono proprio perdersi.

Ci ho perso letteralmente la testa quando ho scoperto l’esistenza di questo locale e non ho potuto fare a meno di andarci. E’ davvero molto ben fatto. Si nota la conoscenza della saga in ogni angolo dalla cura con cui le varie scene sono state riproposte.

E’ uno di quei locali a tema che io definisco “immersivi” perché al suo interno si trova tutto quello che serve per sentirsi davvero in uno dei 7 romanzi di Harry Potter: dal parcheggio per le scope alla mitica Ford Anglia volante, al Cappello parlante. Per non parlare di gufi e alberi magici un po’ ovunque. E i dissennatori che sono davvero come uno se li immagina: spaventosi. Poi le bacchette magiche in legno di nocciolo e, soprattutto, gli stemmi delle quattro Case di Maghi: Grifondoro, Serpeverde, Tassorosso e Corvonero.

dissennatore e scope.png

Entrando si sente l’inconfondibile voce di Silente (originale) dà il benvenuto agli ospiti. E se volete sapere quale sarà la vostra casa di appartenenza una volta a Hogwarts basta girare la ruote con gli stemmi che trovate all’ingresso e il gioco è fatto.

pozioni magiche.png

Su ogni tavolo una lanterna. Dal soffitto pendono gabbie e civette bianche. Alle pareti alberi magici. Ragni sui lampadari. Soffitti che sembrano muoversi. I dissennatori animati accolgono i visitatori tra luci ad intermittenza e rumori strani. E un bartender si aggira dietro il bancone con un vero pappagallo bianco appoggiato alla sua spalla.

Per non parlare dell’enorme basilisco più spaventoso che mai che incombe sui tavolini e che guarda minaccioso tutti quelli che decidono aggirarsi per il locale e curiosare.

Se vi guardate intorno, troverete i quadri viventi rivisti in chiave moderna, e dicono che ci sia una donna pronta addirittura per farsi un selfie.

personaggi viventi.png

Tra bacchette, sciarpe e stemmi, è d’obbligo una capatina in bagno dove si intravvede Mirtilla Malcontenta e si sentono le ‘voci’. E poi, sempre in bagno, passando dal WC potrete accedere al Ministero della Magia. Attenzione però. Qualcuno ci ha provato improvvidamente senza le dovute parole magiche e si è ritrovato con i piedi bagnati. Ecco, magari evitate.

Ogni angolo è fantastico per farsi un selfie, ma il migliore in assoluto è senz’altro quello del mitico muro contro il quale spingere il carrello con le valigie per prendere l’Hogwarts Express che ti porta alla scuola dei maghi. Realizzato con 400 mattoni, un carrello comprato e verniciato e le valigie arrivano da un mercatino vintage sembra proprio quello visto nel film nel primo film del maghetto Harry Potter.

E se l’ambientazione è “immersiva”, il menù completa sicuramente l’opera. Hamburger e panini con i nomi più magici che ci siano: Silente, Mangiamorte… Ottima la scelta delle birre (alcune arrivano dal Birrificio di Lambrate, uno dei miei preferiti). Ma la vera chicca è la Burrobirra, che non manca mai, proprio come nella locanda dove Harry Potter va a bere insieme ai suoi amici. Il tappo si svita e alla fine ti chiedono se vuoi portarla via (la bottiglietta) o lasciarla lì. E che dire delle gelatine e delle mitiche Cioccorane? Non potete proprio perdervele, sperando che incappiate in qualche gusto non proprio invitante…

Un consiglio. Se siete maggiorenni e decidete di provare una pozione alcolica Shot, attenzione a quella che ordinate: quella con il tobasco è potentissima!

Non manca nulla. E se volete tornare a casa con un ricordo, sciarpe e cravatte e bacchette magiche sono pronte per essere acquistate.

Ora però devo stare attenta: se non voglio ingrassare con tutto questo ben di Dio, devo andare a correre…

Note: 
Sono stata una sera e non sono riuscita a fare molte foto perchè era davvero pieno e avrei potuto riprendere le persone che erano nel locale. Ci tornerò sicuramente.

Visto il successo del locale è meglio prenotare: al primo turno ci sono tanti ragazzini che festeggiano il compleanno; al secondo ragazzi più grandi che fanno serata. Se non lo fate rischiate di non trovare posto o di finire al bancone.

 

4 Comments

  1. Oddio ma dobbiamo assolutamente andarci!! 🙂 Noi siamo super fan di Harry Potter, non sapevamo di questo locale.
    Grazie per averlo condiviso! Siamo davvero curiose di vederlo dal vivo

  2. Le cioccoraneeeee!!!! Devo assolutamente andarci. Che bello questo locale con i suoi interni e le ricostruzioni della saga del maghetto.
    Mayadanziger

  3. Ci sono stata un paio d’anni fa e mi sono trovata benissimo! La prossima volta che sono da quelle parti rifaccio un salto volentieri.

Rispondi