Alla scoperta delle Pietre di Cesare Benaglia, 7 santelle scolpite nella roccia

Pietre di Cesare Benaglia Particolare della Pietra Scolpita da Cesare Benaglia nel Parco dei Colli

Era un po’ che volevo fare questa cosa: andare alla scoperta di Pietre, le 7 santelle scolpite nella roccia da Cesare Benaglia, nel Parco dei Colli, dal Santuario della Castagna verso il Santuario di Sombreno.

Ne avevo sentito parlare dalla segretaria del Parco dei Colli che mi aveva permesso di visitare un mercoledì mattina l’ex Monastero di Valmarina con una bravissima guida. Andando via, mostrandomi un leaflet, mi aveva detto: “Guardi qui. Se le piace la natura e le piace l’arte, non se lo deve proprio perdere”. E aveva proprio ragione: è certamente una delle cose da fare (e da vedere) almeno una volta nella vita nella provincia di Bergamo.

Ci ho messo un po’ per riuscire ad organizzarmi, ma alla fine mi sono armata di forza e coraggio (dico sempre così quando devo fare qualcosa, anche quando non c’è proprio bisogno di forza e coraggio) e mi sono diretta al Santuario della Castagna, passando da Valbrembo (siamo sul confine di Bergamo non lo devo dire, vero?). Ho lasciato la macchina nel parcheggio vicino alla chiesa e mi sono diretta verso il bosco. Qui ho potuto scoprire un luogo di ricreazione molto frequentato dalle persone del posto (anziani e non) che sotto gli alberi del Parco dei Colli, prendevano un po’ di fresco in compagnia, giocando a carte o chiacchierando.

Ho visto la bacheca con le informazioni e i percorsi nel bosco e mi ci sono fiondata. Speravo di trovare delle informazioni sul percorso che avrei dovuto fare per incrociare le pietre scolpite dall’artista Cesare Benaglia e per fortuna erano tutte indicate nel retro della bacheca.

Mentre fotografavo le indicazioni e le foto di quello che avrei visto, alcuni signori dietro di me osservavano la scena, come se non fossi la prima ad andare alla ricerca delle pietre di Benaglia. E per fortuna, perché tra scegliere una via piuttosto che un’altra, nonostante le indicazioni, io stavo per scegliere quella sbagliata. E’ stato grazie a un signore che mi ha indicato il sentiero da prendere di fronte a me che non mi sono avventurata dalla parte sbagliata.

Sette pietre scolpite tra la Madonna della Castagna e il Santuario di Sombreno

Così, camminando lungo un sentiero che andava in salita e che presentava qualche pietra, dopo qualche minuto ho incontrato la prima pietra scolpita di Cesare Benaglia. Poi dopo qualche metro, ne ho incrociate tre in successione, e poi un’altra ancora, e poi di nuovo altre. Fino ad arrivare a 7.

Mentre le fotografavo raccontavo al mio compagno di avventure la storia di quelle sculture. Non che fossi una grande conoscitrice di Cesare Benaglia e della sua opera di scultore, ma mentre mi stavo documentando avevo trovato in rete un pdf con l’autobiografia dell’artista e mi ero letta molto attentamente la parte relativa a quelle pietre scolpite.

7 non è un numero a caso. E la vicinanza tra il Santuario della Madonna della Castagna e il Santuario di Sombreno è la chiave per comprendere questo numero.

Come è nata l’idea delle Pietre scolpite

L’idea di scolpire quelle pietre era nata per caso, durante una passeggiata nel bosco dietro il Santuario della Madonna della Castagna. Si tratta di una passeggiata classica per le persone del posto e collega il Santuario della Madonna della Castagna con quello più in alto di Sombreno.

Mentre camminava, Benaglia si era accorto che una roccia aveva una forma molto particolare e subito questo lo aveva ispirato. Il giorno seguente si presentò nel bosco, davanti a quella stessa roccia armato dei suoi strumenti da scultore e aveva cominciato la sua opera.

Nel giro di qualche tempo, aveva mobilitato diversi amici e collaboratori e il suo progetto scultoreo si era ampliato e le sculture da una erano diventate 4.

Una pietra scolpita dedicata ad Alfredino Rampi

Siamo alla fine degli anni Settanta e una roccia la dedicò ad Alfredino Rampi, un bambino che era caduto in un pozzo artesiano a Fiumicino e che aveva tenuto incollati davanti agli schermi della TV tutti gli italiani, durante le operazioni di recupero, che purtroppo non riuscirono a salvare il piccolo. Cesare Benaglia una mattina, mentre era intento a scolpire una delle sue pietre, apprese che il bambino non ce l’aveva fatta e dedicò  a lui la pietra.

img_5296

Un’opera durata quasi 10 anni

Tra le prime pietre scolpite e le ultime passò un bel po’ di tempo. “Quasi sette anni”, racconta Benaglia nella sua autobiografia. Le prime 4 furono realizzate abbastanza velocemente, mentre per vedere le ultime si deve aspettare qualche anno.

Mentre le prime 4 erano state realizzate in modo molto spontaneo, lasciandosi ispirare dalla forma delle pietre, in modo istintivo, le ultime tre raggiunsero quel numero per un preciso motivo.

In quel periodo il Parco dei Colli aveva deciso di far restaurare le 7 Santelle che da Sombreno arrivavano fino al Santuario. Cesare Benaglia aveva proposto di coinvolgere degli artisti contemporanei della Bergamasca e lasciar loro libertà di lavorare ciascuno su una santella. Il Parco dei Colli però decise di non procedere con questo progetto, ma di restaurare le santelle senza attualizzarle. Benaglia si ritirò dal progetto e decise di proseguire con il suo: realizzare 7 santelle (le pietre scolpite) per la Madonna della Castagna. E fu così che le pietre scolpite da 4 diventarono 7.

Il percorso nel bosco

Il percorso dalla Madonna della Castagna è tutto in salita. Non sono molti metri, ma bisogna stare attenti. Il sentiero è in sicurezza, ma abbastanza ripido. Sicuramente è da percorrere con le scarpe adatte perchè ci sono diverse pietre che sono rotolate giù con la pioggia.

Sulla bacheca all’inizio del bosco, trovate una specie di mappa con le indicazioni di dove trovare le Pietre Scolpite di Cesare Benaglia. Non abbiate paura, si riconoscono perché nonostante siano perfettamente inserite nel contesto naturale, hanno dei particolari che solo un artista può aver concepito.

Dalla Madonna della Castagna al Santuario di Sombreno le indicazioni dicono 25 minuti, ma se non siete allenati tenetevi buoni 35 minuti.

Tutte le pietre si trovano nell’arco di 5 minuti di camminata in salita (trekking facile).

Note
Le foto sono mie. Sia quelle delle pietre che quelle del bosco. Non ho riportato le foto d tutte le pietre scolpite per il semplice motivo che ero con l’iphone e per via della luce non sono venute bene. 

E per saperne di più ecco il link all’autobiografia di Benaglia con il racconto di quest’opera: non c’è niente di meglio della spiegazione dell’artista.