Proteggersi dal raffreddore con una gengia di Città Alta

Viale alberato di ippocastani

castagna-mattaAvete mai sentito parlare del magico “potere delle genge” contro tutti i mali da raffreddore? No? Volete sapere cos’è una gengia? Le genge sono quelle che nel resto d’Italia vengono chiamate “castagne matte” e nella vostra vita avrete sicuramente incontrato persone che ne custodivano una o due in una tasca del cappotto per proteggersi dal raffreddore.
Volete sapere perché? Perché una tradizione antica vuole che tenere una gengia in tasca protegga dal raffreddore.

Ecco perché ogni anno, in autunno, quando le castagne matte degli ippocastani cominciano a cadere, lungo le Mura di Città Alta, trovate giovani e anziani che raccolgono una o due genge da regalare o da tenere in tasca.

Il potere anti raffreddore della gengia

Il potere anti raffreddore della castagna matta ha origini lontane e probabilmente è da attribuire agli effetti curativi che questo frutto possiede nella medicina veterinaria e in particolare sulle malattie dei bronchi. Pare abbia effetti ottimi sui cavalli, ma è tossica per gli uomini (quindi guai a ingerire una gengia se non siete dei quadrupedi alti 2 metri).

castagna-matta-raccolta-a-bergamo-altaLe castagne matte o genge sono dette anche “castagne di cavallo” (da cui il nome “ippocastano” dell’albero) e nei secoli passati, per il loro effetto lenitivo, venivano fatte masticare agli equini affetti da asma e raffreddore . Ecco perché quando il cavallo starnutiva, il padrone tirava fuori dalla tasca del cappotto una o due castagne matte (gengia a Bergamo, appunto) e la dava all’animale.

Il reale potere curativo delle castagne matte

Il potere curativo delle genge per i cavalli che le masticano è dovuto alla presenza di “escina”, una sostanza contenuta nelle castagne matte che ha un’azione antinfiammatoria.

Gli estratti (ma solo gli estratti) delle castagne matte oggi vengono utilizzati anche nella medicina naturale o in erboristeria e si usano molto nella cosmesi. In particolare, questi estratti (o anche i decotti) li troviamo in tutte quelle preparazioni che non si devono ingerire, come ad esempio le creme anti cellulite, i preparati per curare le emorroidi o dare sollievo ai disturbi delle vene varicose.  L’escina, infatti, è un antinfiammatorio naturale, capace di migliorare il drenaggio linfatico, di ridurre la permeabilità capillare e aumentare la pressione venosa.

Come potete intuire non è riconosciuto alcun fondamento scientifico al tenere le castagne matte in tasca come cura contro il raffreddore. Ma visto che lo facevano i nostri nonni, e prima di loro i nonni dei nonni, perché non continuare? In fondo, che male fa?
Quindi non abbiate paura di raccogliere una gengia e regalarla al vostro familiare o amico: dimostrerete solo che ci tenete!

Le castagne matte o genge

tre-castagne-matteSi presentano come castagne, dalla scorza più dura e lucida. Le vedete brillare al sole tra le foglie proprio per la loro lucentezza che riflette i raggi del sole. Sono belle grandi e tonde e, se non fosse che sono tossiche per gli uomini, verrebbe voglia di metterle sul fuoco e arrostirle.

Ma accontentatevi di prenderle in mano, accarezzarle e se avete le mani d’oro sono ottime per fare delle composizioni autunnali come centri tavola o ghirlande di Natale. Oltre a tenerne una in tasca per non farsi venire il raffreddore, ovviamente.

 

Gli ippocastani di Città Alta

Dopo i platani che sono la specie di alberi più diffusa a Bergamo con 1.187 esemplari, gli ippocastani sono senz’altro la specie più caratteristica della città. Se ne contano addirittura oltre  750.

La presenza di alberature in città contribuisce a combattere lo smog, a mitigare il clima urbano, e a migliorare nel complesso la qualità della vita.

Le maggiori concentrazioni di ippocastani sono in centro (circa 150) e lungo il viale delle Mura, baluardi compresi (350). Se vi trovate in questo periodo non potete non rimanere affascinati dai colori dell’autunno che fanno sembrare il paesaggio un quadro dipinto da Monet.

Importati dalla Grecia gli ippocastani sostituirono in parte i platani piantati in epoca napoleonica sulle Mura e in Colle Aperto. Rinnovati sul finire del 1800 e nei primi decenni del ventesimo secolo, gli ippocastani sono oggi un elemento insostituibile della città. Questa specie fu utilizzata per ombreggiare tutti gli spalti e si rivelò una scelta felice anche al punto di vista ambientale.

Tutti i vantaggi degli alberi in città

Comunque, oltre al valore estetico, non si deve dimenticare il valore funzionale dei filari di ippocastani (e di tutte le altre specie di albero) che troviamo in città. La vegetazione urbana contribuisce infatti anche alla regolazione del deflusso superficiale delle acque piovane e più in generale previene il dissesto idrogeologico.

E favorisce la biodiversità, perché questi viali alberati sono di fatto delle vere e proprie autostrade verdi utili sia alla flora che alla fauna. Inoltre attenuano i rumori del traffico e influenzano il microclima, migliorando la qualità e l’umidità dell’aria. Per questo motivo si sono privilegiate piante autoctone e resistenti come i biancospini, ippocastani, tigli, platani e frassini.

 

Note
Tutte le foto delle genge sono state scattate in Città Alta, lungo le Mura, sullo spalto dei 100 alberi. Le foto delle composizioni le ho trovate in rete. 

Le informazioni contenute in questo post sono state trovate in rete.