Gite fuoriporta | Il giro di Monte Isola in bicicletta alla scoperta di uno dei Borghi più belli d’Italia

Monte Isola, con i suoi dodici chilometri quadrati e mezzo, è l’isola lacustre più grande d’Italia e  dell’Europa meridionale e centrale (anche se su molti siti vi diranno che è la più grande d’Europa). Si percorre facilmente a piedi o in bicicletta ed è senz’altro meta ideale per una gita fuoriporta alla scoperta di uno dei Borghi più belli d’Italia. Poiché sull’isola non si possono traghettare né si può circolare con le automobili, le strade di collegamento tra le numerose frazioni – alcune a contatto col Sebino (Peschiera Maraglio, Sensole e Carzano), altre a mezza costa (Menzino, Siviano e Novale), altre ancora sui fianchi della montagna (Olzano, Masse, Senzano e Cure) costituiscono un terreno privilegiato per muoversi con il velocipede. Ecco quindi che vi propongo oggi il giro di Monte Isola in bicicletta.
Io l’ho fatto e mi è piaciuto.

Dove si trova Monte Isola

Monte Isola (lo dice la parola stessa) è un’isola in mezzo al Lago d’Iseo. In realtà si trova in mezzo al Basso Sebino, ossia nella parte bassa del lago. Monte Isola (o Montisola) trova in provincia di Brescia ma i bergamaschi la sentono comunque un po’ loro, visto che il Lago d’Iseo si divide in due sulle provincie di Bergamo (sponda ovest) e quella di Brescia (sponda est) e che l’Isola si raggiunge con traghetto da entrambe le sponde.

Come arrivare a Monte Isola

Monte Isola si raggiunge in traghetto dalla sponda Bergamasca o da quella Bresciana del Lago d’Iseo.
Potete utilizzare il traghetto della Navigazione del Sebino secondo gli orari forniti dalla società di navigazione oppure, dalla sponda Bresciana, potete prendere anche un traghettino più piccolo che parte ogni mezz’ora da Sulzano che in alcuni momenti dell’anno fa il giro delle tre isole (monte Isola, Isola di San Paolo e Isola di Loreto – le ultime due sono private e di possono solo circumnavigare).

Fate solo attenzione agli orari di ritorno perché non tutti i porti hanno una frequenza di partenza e arrivo come quella di Iseo, da cui partono ogni 25 minuti.

Qualcuno arriva sull’isola usando delle imbarcazioni private o addirittura il Kayak, ma per questo vi consiglio di affidarvi a chi lo sa fare.

Noleggiare la bicicletta per fare il Giro di Monte Isola

Per fare il giro di Monte Isola in bicicletta nel mese di agosto dovete affittarla direttamente sul posto, non potete portarvela da casa.

Sull’isola infatti possono circolare solo le bici dei residenti e quelle offerte dai tre noleggiatori locali. La disposizione è frutto di un’ordinanza comunale presa per “la sicurezza e tutela della pubblica e privata incolumità“, considerando che le strade comunali sono “di limitata larghezza”.

A Peschiera Maraglio, una delle frazioni di Monte Isola, porto di pescatori, troverete i tre noleggiatori autorizzati con prezzi decisamente modici:

  • la prima ora di noleggio costa 4 euro,
  • la seconda 3,5 euro,
  • la giornata intera 12 euro.

Per noleggiare la bicicletta basterà avere un documento di identità da consegnare al ritiro delle biciclette. Vi verrà consegnato un foglio che non dovete perdere e che dovrete riconsegnare al termine del vostro giro. Quindi verranno calcolate le ore e pagherete.

Il giro di Monte Isola consigliato a chi va in bici

Il giro di Monte Isola si fa in assoluta sicurezza perché non si può traghettare con le auto, né si può circolare con le automobili tra le varie frazioni. Il suo perimetro è di circa 10 km , con un dislivello di circa 80 m, con pendenze fra il 3-5%.

La partenza da Peschiera Maraglio

Dal piccolo porto di Peschiera Maraglio si pedala verso sinistra sulla “strada degli ulivi” osservando la vicina isoletta di S. Paolo e giungendo in breve a Sensole e poi a Menzino. Vi consiglio assolutamente questa parte di giro perché parte in pianura, poi all’altezza di Sensòle inizia una salita di circa un chilometro bella tosta. Se invece vi avventurate dalla parte opposta dell’isola avrete un inizio con un tratto pianeggiante più lungo, ma ad un certo punto partirà la salita e… sarà sempre salita!

La salita da Sensole a Menzino

Monte Isola in bicicletta

Da Sensole a Menzino dovrete fare un po’ di sforzo per via di una bella salita. Se avete un minimo di preparazione e buone gambe andrete sù senza fatica, ma se siete come me scenderete dalla bici e spingerete a mano per tutto il chilometro. A Menzino, dopo il famoso chilometro di salita “tosta” che parte da Sensole, troverete dei punti di osservazione con panche e tavolini, da cui potrete fare delle foto del lago strepitose.

Lungo la strada troverete della antiche macine usate per la spremitura dell’olio d’oliva.

Da Sinchignano a Siviano

Proseguendo, in pochi minuti di strada asfaltata arriverete a Sinchignano e poi raggiungerete l’abitato di Siviano,  capoluogo dell’Isola dovei ha sede il Municipio.  Siviano è un borgo fortificato di impianto medioevale, con case torri e strette vie.

Il percorso rimarrà più o meno un sali e scendi dolce fino a Siviano, che potrete fare con le marce adeguate senza grande fatica e dopo sarà tutta discesa.

Da Carzano a Peschiera Maraglio

Proseguendo si ammira a nord la bella Isola di Loreto e si arriva in breve a Carzano. Qui ogni cinque anni si svolge la famosa festa di S. Croce in occasione della quale le vie del paese vengono abbellite da migliaia di fiori di carta colorati che sono stati preparati con grande maestria e pazienza nei mesi precedenti. Superato Carzano si percorre lungo il lago il lato orientale dell’isola dove noterete degli alberi con il fusto in acqua. Sono davvero particolari e sarete invogliati a fotografare questo particolarissimo filare.

Alberi con fusto in acqua Monte Isola

In breve, proseguendo lungo la strada ci si riporta in breve al porto di Peschiera Maraglio.

Per i volenterosi: Cure e Masse

Da Siviano, per i più volenterosi, una salita impegnativa conduce agli antichi borghi di Cure e Masse, conosciuti per la produzione artigianale del “Salame di Monte Isola”; da Cure, poi, una strada acciottolata giunge in venti minuti al Santuario della Madonna della Ceriola, che domina dall’alto della montagna offrendo un panorama davvero mozzafiato.

Cosa vedere a Monte Isola sul Lago d’Iseo

Lungo le pendici e in riva al lago sono dislocati 11 centri abitati, collegati da strette strade percorse dal pulmino comunale e da motociclette: le auto sono bandite, ad eccezione di quelle di pubblica utilità, quindi il luogo è ideale per le passeggiate a piedi e in bicicletta.

Isola di San Paolo dalla riva o dall’alto

Monte Isola - cartelli su The Floating Piers

L’Isola di San Paolo è proprio di fronte a Montisola e se non fosse divisa dalle acque del lago si raggiungerebbe in pochissimi minuti a piedi. Perchè dico questo? Perchè in occasione dell’evento artistico de The Floating Piers raggiungere l’Isola di San Paolo con la passerella di Christo era una delle possibilità. Camminando sull’Isola troverete diversi pannelli che raccontano quell’evento e mostrano le foto dell’Isola di San Paolo raggiunta e circondata dalla passerella arancione.

Se volete saperne di più leggete: The Floating Piers: 10 curiosità da scoprire prima di guardare il film “Christo. Walking on Water”.

Percorso didattico

Monte Isola vanta una flora tutta da scoprire. Al di là degli ulivi che per secoli hanno dato buoni frutti e consentito agli abitanti di produrre un ottimo olio extravergine, ci sono anche alberi secolari molto particolari. In corrispondenza del sentiero che porta alla Rocca trovate un percorso didattico con dei cartigli in corrispondenza di alcuni alberi degni di nota che ne spiegano storia e caratteristiche.
Perfetto da fare con i bambini.

Castello o Rocca Oldofredi-Martinengo

A Menzino troverete una deviazione sulla destra che porta verso la Rocca Martinengo. Si tratta di una rocca difensiva medievale che nel corso dei secoli è stata rimaneggiata e restaurata fino a trasformarsi in una residenza nobiliare. Oggi ha la forma di un antico castello. Non è visitabile: è privato e appartiene ad una famiglia di Monza. Pur sembrando accessibile da muretti non troppo alti, state molto attenti perché i proprietari hanno fatto murare dei pezzi di vetro lungo tutto il perimetro delimitato dal muretto. Tentare di scavalcare può diventare davvero molto pericoloso.

Santuario della Madonna della Ceriola

Santuario della Madonna della Ceriola

A Sinchignano, all’altezza della Chiesa di S. Carlo, c’è la possibilità, svoltando a destra, di raggiungere il Santuario della Madonna della Ceriola; bisogna percorrere circa tre chilometri di salita piuttosto impegnativa e in qualche tratto si deve spingere la bicicletta a mano. L’ultimo tratto per raggiungere il Santuario (tempo di percorrenza 20 min – 800 mt circa) è percorribile solo ed esclusivamente a piedi, ma potrete lasciare la vostra bicicletta nell’abitato di Cure. I più tenaci saranno premiati da un panorama eccezionale e potranno visitare il Santuario.

Isola di Loreto dall’alto

Isola di Loreto sul Lago d'Iseo

L’Isola di Loreto è un sogno. E non solo perchè è bellissima, ma anche perchè è privata e non si può visitare se non in eccezionali occasioni. Io sono riuscita a visitarla in occasione di un evento jazz. So che viene riproposto e quindi non vi resta che tener d’occhio il sito di VisitLakeIseo.org per sapere quando vengono organizzati questi eventi e tentar di prenotare.

Se volete sapere come è stato il mio tour sull’Isola e la storia di questo luogo splendido, leggete: Visitare l’Isola di Loreto sul Lago d’Iseo, passeggiando nella natura e ascoltando musica jazz

Cosa mangiare e cosa comprare a Monte Isola

Prima di pensare al traghetto per il ritorno, gli amanti della buona tavola (o quelli il cui pedalare ha messo appetito) avranno pane per i loro denti. Sull’isola si possono gustare succulenti piatti di pesce di lago insieme ai prodotti tipici dell’olio d’oliva, del salame di Monte Isola e delle sardine essiccate al sole con polenta.

Sardine di lago Monte Isola lago d'Iseo

Potete assaggiarli in uno dei ristoranti dell’Isola o nei barettini che offrono la possibilità di degustare i piatti tipici all’aperto.

A Monte Isola è possibile anche acquistare dei prodotti realizzati con le reti da pescatori o del profumo realizzato con le essenze dell’isola.

Note: le foto sono mie e sono state scattate in occasione del tour di Monte Isola in bicicletta ad agosto 2021. 

 

3 commenti

    1. Grazie dello stimolo, Renato: ho verificato che ha ragione e ho corretto l’informazione.

Grazie di aver letto il post. Se desideri lasciare un commento sarò felice di leggerlo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.