Scalette di Città Alta

Su e giù per le scalette di Bergamo a visitare la città in modo diverso

Il consiglio di oggi? Visitare Bergamo salendo e scendendo i gradini delle sue innumerevoli scalette medievali. Perché tra le 101 cose da fare almeno una volta nella vita a Bergamo e provincia, nei primi 10 posti io metto senz’altro scoprire la città salendo le sue scalette. Credetemi, le scalette di Bergamo sono un’esperienza da non perdere se si desidera conoscere in modo diverso le meraviglie di Città Alta  dei suoi colli, soprattutto con la bella stagione.

E qui sta il motivo per cui vi propongo due pubblicazioni molto utili che vi invito a consultare prima o a portare con voi se volete aggirarvi per Bergamo con lentezza, quella lentezza tipica di chi gira a piedi, di chi osserva e desidera conoscere tutto quello che trova sul suo percorso, ma soprattutto se volete farvi guidare nei dedali di stradine che si incrociano con le imperdibili scalette di Bergamo.

La prima (che potete acquistare e portare con voi) è l’originale guida Alle porte di Città Alta, “33 itinerari e innumerevoli varianti per visitare Bergamo andando dalla città Bassa in Città Alta: 115 strade, scalette, sentieri e funicolari per salire rigorosamente a piedi o in bicicletta“.

Pubblicato dall’Associazione per Città Alta e i Colli di Bergamo con il sostegno della Fondazione Banca Popolare di Bergamo,  il volume offre un’occasione imperdibile per tutti coloro che desiderino conoscere, scoprire o riscoprire le meraviglie di Città Alta godendo appieno del percorso che conduce alla meta. All’interno del libro si trovano deliziose immagini e utilissime mappe oltre che dettagliate indicazioni sui percorsi e sulle scalette di Bergamo, ma anche percorsi tematici e giri suggeriti in bicicletta (ovviamente non sulle scalette).

La seconda pubblicazione, invece, è quella che si trova sul sito del Comune di Bergamo, Scalette di Bergamo, che potete scaricare in pdf e stampare. E’ fatta anch’essa molto bene: sono 48 pagine e vi consiglio di stamparle in formato A5 (almeno io le ho stampate così per riuscire a leggerle) . Vi raccontano la storia e la collocazione di ogni scaletta e delle vie che state percorrendo. Corredato di numerose fotografie.

Le scalette tutte in un giorno? E’ possibile con la Millegradini e il Tour delle Scalette

E se volete farne un bel po’ tutte in una volta, con un bel tour storico artistico e sportivo, vi consiglio la Millegradini di Bergamo, una manifestazione che vi fa percorrere molte delle innumerevoli scalette di Città Alta, salendo e scendendo anche i gradini dei principali monumenti cittadini. Un evento da non perdere di cui, se ricordate, ho già parlato in questo blog.

Ma non solo. Se desiderate dedicare l’intera giornata alle Scalette di Bergamo, e non volete aspettare la Millegradini che si svolge tra settembre e ottobre, ecco una mappa con il tour delle Scalette realizzato da Fo’ di Pé che potete scaricare e seguire da soli, passo passo. E’ disegnata ma fatta benissimo. Vi propone il meglio delle scalette e della città con un percorso di 24 chilometri e poco più. Il consiglio che danno e che mi sento di sottoscrivere è di scaricarla, stamparla, infilarla in un cristallino (cartelletta trasparente a buchi) e portarla con voi.

Le mie scalette preferite? 

img_0623La Scaletta della Noca, quella che dall’Accademia Carrara porta a Porta Sant’Agostino. Una scalinata lunga e larga, in porfido, dolce e quasi sempre ombreggiata. Ma non lasciatevi ingannare dalla pendenza dolce: è dritta e invoglia ad andare spediti, ma alla fine se non siete allenati il fiato lo sentirete.

 

La Scaletta dello Scorlazzino, sorella della scaletta dello Scorlazzone

Un ultimo consiglio?
Se decidete di farle in estate partite con una bella scorta d’acqua e sali minerali. E, se non siete allenati, andate in compagnia e fate attenzione. Le scalette sono quasi sempre sistemate, ma può capitare di imbattersi in quelle più dissestate e costellate di asperità improvvise: il rischio di inciampare e farvi male non è così peregrino.

img_0746

Note
Il libro Alle porte di Città Alta fa parte della mia biblioteca personale dedicata a Bergamo. L’ho acquistato alcuni anni fa e l’ho utilizzato spesso per fare le mie escursioni sulle scalette di Bergamo. 
Lo potete trovare in libreria, nelle edicole più fornite di Bergamo e sui siti per la vendita di libri. Il prezzo di copertina è €8.80, ma on line lo trovate anche al 50%. 

La Millegradini l’ho fatta un paio di volte e la consiglio a tutti. 

La mappa di Fo di Pe l’ho scovata su internet e mi è subito piaciuta.  Fo di Pe è un’associazione sportiva molto presente nella bergamasca. Se vi dovesse capitare di fare qualche tapasciata (io ne ho fatte molte) loro sono sempre presentissimi. 

Le foto sono mie e sono state scattate recentemente. 

 

 

 

22 commenti

  1. Più ti leggo, più penso di dover proprio visitare Bergamo al più presto! Lo sai che scalette simili le ho viste anche in città come Haifa (Israele) e Lowestoft (Regno Unito)? Bisognerebbe fare una mappa di tutte città con le scalette!

  2. Ho sempre preso la funicolare tra la città alta e quella bassa. A Maggio io e un’amica stavamo puntanto le scalette (in discesa) ma poi abbiamo optato di nuovo per la funicolare. Vorrei proprio farlo il giro delle scalette. Mi accompagni tu quando mai dovessi tornare a Bergamo!

  3. Adoro le scale e scalette… questa volta ho fatto anche io quelle che portano a Bergamo Alta e, non avendo proprio le scarpe adatte, ma dei sandalini con piccolo tacco, mi stavo ammazzando! Ma mi sono divertita un sacco. Mi mancano tutte le altre scale, ma questa volta parto preparata, acqua e scarpe da ginnastica!

  4. Adoro le scale, visivamente parlando…un po’ meno quando si tratta di farsele a piedi! Io rischio la morte, meglio la funicolare!

  5. Non immaginavo che Bergamo Alta avesse così tante vie per essere raggiunta. Ho sempre e solo sentito parlare della funicolare, ma queste sono un’ottima alternativa per scoprire la città sotto un altro punto di vista.

  6. I miei complimenti sinceri per un blog dinamico e sempre interessante con un argomento così specifico. Bergamo diventa col tuo blog una città da segnarsi. Scalette comprese!

  7. quando ero piccola il mio nonno mi raccontava della scalette, qualcuno l’ho vista e qualcuna l’ho percorsa, ma ora non saprei da che parte trovarle, almeno fino ad oggi.
    Tutte le volte che approdo nel tuo blog è un tuffo nella mia infanzia, grazie!!
    Credo che in autunno organizzerò una gita, mi manca tanto Bergamo!

  8. Mi piacciono da impazzire queste scalette, e che bello che ci siano delle pubblicazioni che possano aiutare nel tragitto! Sapevo della funicolare ma non avevo mai visto le scalette, dovrò provare non appena sarò dalle tue parti! 😉

  9. Ma che belline! Adoro queste viuzze piene di gradini. Danno un tocco, appunto medievale alle città e la cosa mi affascina tanto

  10. Mi piace questo percorso per le scalette. Mi ricordano un po’ certe “creuze” della mia Genova e io sono abituata a fare su e giù!

  11. Non conoscevo questi percorsi per arrivare a piedi a Bergamo Alta, e la prossima volta che visiterò Bergamo cercherò di salire o scendere con le scalette. L’idea di una visita guidata poi è davvero carina.

Grazie di aver letto il post. Se desideri lasciare un commento sarò felice di leggerlo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.