tempio-dei-caduti copertina

Scoprire il Tempio dei Caduti di San Pellegrino Terme in Val Brembana

Il Tempio dei Caduti di San Pellegrino Terme venne realizzato dopo la prima guerra mondiale per commemorare i caduti della località termale più importante della Val Brembana. Originariamente venne denominato Tempio della Vittoria, ma dopo la Seconda Guerra Mondiale venne rinominato come Tempio dei Caduti.  Fu progettato dall’ingegner Luigi Angelini, dopo la demolizione della chiesa di San Carlo, costruita nel 1619. Angelini non si limitò solo alla direzione dei lavori edili, ma seguì anche le decorazioni figurative.
Alla posa della prima pietra, il 26 settembre del 1921, era presente il deputato per la Val Brembana Bortolo Belotti di Zogno, che allora era ministro all’Economia. Ultimato nel maggio 1924, il Tempio della Vittoria (in un secondo tempo diventato Tempio dei Caduti) venne ufficialmente inaugurato nell’estate del 1925.

Tempio dei Caduti: un sacrario a San Pellegrino Terme

Interno sacrario Tempio dei Caduti San Pellegrino Terme

Realizzato tra il 1921 e il 1924, in pietra locale, su progetto dall’ingegner Luigi Angelini, il Tempio dei caduti di San Pellegrino Terme si sviluppa sul fondo di Piazza Antonio Locatelli. La tipologia è quella del sacrario militare dove ricordare e commemorare i caduti in guerra, molto in uso negli anni Venti del Novecento in ricordo anche della Vittoria della prima Guerra Mondiale.

Questo luogo ha una caratteristica che lo rende unico in tutta Europa: si tratta di un monumento a ricordo dei caduti e dispersi di due Guerre Mondiali. In esso sono conservati infatti i loculi, con le spoglie, esumate dai cimiteri di guerra, di sedici caduti della Prima Guerra Mondiale e di dodici caduti della Seconda Guerra Mondiale. Sono inoltre incisi i nomi di tutti i caduti del territorio, compresi quelli delle frazioni di Santa Croce, Antea, Alino e Piazzacava.

 Al tempo stesso però venne costruito per far fronte alla ricostruzione della seicentesca chiesa di San Carlo, posta a pochi metri di distanza: essa doveva essere abbattuta per poter allargare lo stretto passaggio tra questa e il Caffenì Milesi al fine di consentire un più ampio accesso alla fonte termale.
Per saperne di più sulle Terme di San Pellegrino, leggete: Terme di San Pellegrino, icona del termalismo italiano

L’esterno del Tempio dei Caduti di San Pellegrino Terme

La pianta  del Tempio dei Caduti di San Pellegrino è a croce greca ed è coperta da una cupola ottagonale. Il gusto eclettico dell’esterno, con richiami neogotici, si conclude proprio con la cupola che ha riferimenti decò.

Il prospetto principale, definito dall’andamento del tetto a due spioventi, si innalza da un’ampia scalinata con portale a tutto sesto e rosone soprastante. Ai lati si sviluppa il porticato, che dà origine ai due prospetti laterali, dove si apre un portale a tutto sesto con soprastante finestra tripartita.
Sull’ottagono della cupola sono disposte otto figure alate, modellate dallo scultore Giuseppe Siccardi, reggenti i simboli della guerra e della vittoria.

La decorazione interna del Tempio dei Caduti

Tempio dei Caduti San Pellegrino Terme interni

La ricca decorazione interna è costituita da un grandioso mosaico, con il Padre Eterno, raffigurato nella grande tazza della cupola. Lungo le pareti troviamo mosaici con rappresentazioni di episodi biblici e scene di guerra opera del maestro Filiberto Sbardella. Il presbiterio è stato decorato a fresco dal pittore Giovanni Fasciotti. Sono opera dell’artista Umberto Marigliani i tre medaglioni e l’altare, su fondo oro, rappresentanti San Martino, San Carlo e Santa Barbara. Le opere in ferro battuto sono di Tironi di Sedrina.
Le decorazioni interne furono eseguite in tempi diversi e concluse poco prima della Seconda Guerra Mondiale.

Il lavori di restauro più recenti

Negli anni le infiltrazioni delle acque meteoriche hanno compromesso la conservazione dell’edificio e delle decorazioni. Per riportare ai fasti di un tempo il Tempio dei Caduti è stato fatto un intervento conservativo, durato un anno. L’edificio è rimasto chiuso dal 2012 al 2017 (anno di conclusione dei lavori) a causa della caduta di calcinacci e problemi di infiltrazioni di acqua e umidità. 

Cosa visitare in zona

Visto che siete a San Pellegrino vi consiglio di leggere questo articolo: 15 cose da fare assolutamente a San Pellegrino Terme in Val Brembana 

Se vi piacciono le bellezze naturali della Val Brembana non dovete proprio perdervi le Grotte del Sogno, in località Vetta a San Pellegrino.
Per saperne di più leggete: Alle Grotte del Sogno di San Pellegrino tra sirene, ippopotami, punte di matita e artigli.
A pochi chilometri da San Pellegrino si trova Cornello. Ve lo consiglio assolutamente.
Per saperne di più leggete: Visitare uno dei borghi più belli d’Italia, Cornello dei Tasso.
Se vi piacciono le camminate facili ma immersi nella natura, vi consiglio: Da Cornello dei Tasso a Oneta, lungo la Via Mercatorum, per scoprire la Casa di Arlecchino.
Inoltre vi consiglio una bella biciclettata lungo la Ciclabile della Val Brembana. Davvero imperdibile.
Per saperne di più, leggete: Cicloturismo bergamasco: ciclabile della Val Brembana, la vecchia Ferrovia che si percorre in bicicletta

One comment

Grazie di aver letto il post. Se desideri lasciare un commento sarò felice di leggerlo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.